24-Nutrie innocenti e con coscienza

Lettera inviata al Comune e al Servizio Veterinario Usl di Forlì alla Regione Toscana e a vari mass media



Gentili signori

siamo venuti a conoscenza della delibera approvata dalla giunta in data 5/06/2024, con la quale il Comune ha organizzato un piano di eradicazione delle nutrie mediante abbattimento delle stesse; compito assegnato, a titolo oneroso, ad una Odv che, paradossalmente, ha come fine statutario anche “promuovere la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione dell’ambiente naturale, del paesaggio e del patrimonio faunistico, ittico e botanico”.

Si accusano, fin troppo facilmente, questi animali (visto che non possono difendersi) di creare danni economici alle coltivazioni e agli argini dei corsi d'acqua cosa peraltro tutta da dimostrare, visto che non vi sono evidenze scientifiche che i danni siano responsabilità delle nutrie e, anzi, questi avvengano anche dove le nutrie non sono presenti; ciò è avvalorato dal fatto che in tutta Europa, da anni, sono in atto mattanze contro le nutrie, ma non hanno portato ai risultati voluti.

L'Emilia Romagna nel periodo 2008-2014 ha speso €1.540.026,0 per rifondere i danni imputati alle nutrie, nonostante che già con L.R. 16/02/2000 n° 6, art. 12 fosse assegnato il compito di eradicazione delle nutrie a cacciatori/coadiutori. Inutilmente.

Oltre a ciò, nelle zone dove vivono le nutrie vi sono presenti numerosi altri mammiferi e volatili selvatici che, se le gabbie trappola venissero allocate senza una continua supervisione, rischierebbero di rimanervi intrappolati e condannati a morte certa in contraddizione con la legge n. 189/2004.

È contestabile anche l’utilizzo di armi ad aria compressa con potenza inferiore ai 7.5 joule, che  non sono sottoposte ad autorizzazione da parte dell’Autorità di pubblica sicurezza (cioè non richiedono il porto d’armi), cosa che in un contesto urbano può rivelarsi estremamente grave e potenzialmente pericoloso.

Esistono in Italia molti esempi virtuosi di convivenza pacifica con le nutrie: si vedano ad esempio i progetti di Modena, Sesto San Giovanni (Mi), Muggia (Ts), dove si è optato di contenere il numero delle nutrie avviando progetti di sterilizzazione per i quali è competente l'associazione ProgEco dello scienziato Samuele Venturini https://www.progeconatura.com/servizi/, oppure si potrebbe valutare di trasferirle presso santuari per animali, dove potrebbero trascorrere il resto della loro vita in pace senza essere perseguitate. Progetti etici e rispettosi della vita sono possibili, se lo si desidera, se si ha il coraggio di attivare la luce dell'etica e della coscienza morale.

Per approfondimenti vi invitiamo a leggere la breve relazione https://www.gabbievuote.it/la-nutria-myocastor-coypus.html auspicando che vogliate rivedere la decisione di uccidere esseri viventi e senzienti, in più, con coscienza  (Dichiarazione di Cambridge 7/7/2012 https://angelovaira.it/blog/dichiarazione-di-cambridge-sulla-coscienza/#more-2872, Dichiarazione di New York 19/4/2024 https://sites.google.com/nyu.edu/nydeclaration/declaration https://www.scienzenotizie.it/2024/04/23/gli-esperti-dichiarano-che-insetti-e-altri-animali-hanno-una-coscienza-3384218).

Grazie.

Firenze, 7 luglio 2024

Mariangela Corrieri
Presidente Gabbie Vuote ODV – Firenze
Membro del CAART Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana
Membro FIADAA Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente